“I fiori che si muovono sull’erba, la luce che gioca sull’acqua, il cielo, un paesaggio o quel viso dagli occhi come il cielo o quella luce sulla pupilla come sull’acqua, tutto questo vive nella memoria e accompagna i ricordi. E mai e poi mai i fiori, l’erba, la luce, l’acqua avrebbero pensato che qualcosa di strano e di speciale li avrebbe chiamati a sopravvivere in qualche modo alla loro essenza effimera, alla fragilità del loro essere. Così anche un profumo, un rumore di passi sulla strada, il suono di una voce, l’alito di un respiro, realtà queste ancora più deboli ed impalpabili, vengono ad essere trasportate, incollate intimamente all’immagine immobile di un dipinto, mentre tutto intorno cambia, muta, fluttua nello sgranarsi del tempo e degli anni. E io non so più dire da quale posto o da quale tempo vengo, se il mio ricordo è tale e se la mia realtà è stata od è solo un sogno. Ho sempre pensato all’opera d’arte come ad un qualcosa di prezioso, che potesse fermare l'attimo e durare nel tempo. Così un quadro, oltre al suo contenuto fatto di ricordi, emozioni, misteri, deve avere anche l’incanto che deriva dalla capacità di comporre la materia, di mescolarla e di farla diventare qualcosa che susciti stupore anche per la sua essenza rara e preziosa. E’ per questo che ho voluto costruire una tecnica che, peccando un po’ di presunzione, definirei “da virtuoso”, fondata sull’alchimia dei colori e su quella pazienza certosina che è di coloro che amano il mondo al punto da esaminarlo fino all’ultima piega, e poi in fondo lo odiano o lo detestano al punto da crearsene uno parallelo, del tutto simile a quello reale sì, ma come si sa, e come lo si può facilmente intuire, profondamente diverso.” (Alberto Bertuzzi)

 

 

Studioso di Storia dell’Arte, formatosi alla scuola romana di Giulio Carlo Argan, ha da sempre affiancato al suo lavoro di storico e di insegnante una intensa attività artistica.

I suoi dipinti, ispirati ad un realismo che tende ad uscire dai canoni classici per percorrere nuove forme di ricerca, si avvalgono di una tecnica antica e raffinata.

Accanto a paesaggi e nature morte, si è affermato come ritrattista per la elegante soluzione delle impostazioni formali. Della fine degli anni ’70 è il ritratto di Gianni Agnelli, al quale seguono due ritratti di Giovanni Paolo II ed altri ancora, di personaggi più o meno famosi.

Le sue opere sono state esposte in Italia ed all’estero.

Alberto Bertuzzi“Flowers that wave on the grass, light that plays on the water, the sky, a landscape, or a face with eyes like the sky, or a light on the pupil as if it were on water; all this lives in memory and accompanies our recollections. And never, but never, would those flowers, that grass, that light, that water ever have imagined that something strange and special, in some fashion, would have called upon them to outlive their ephemeral essence, the fragility of their being. In the same way a scent, a sound passing by on the street, the sound of a voice, a breath that is exhaled; that is, realities that are even more faint and impalpable, are transferred and intimately attached to the motionless image of a painting, while everything that surrounds them changes, mutates, fluctuates with the passing of the years and of time. I can no longer say from what place or what time I have come, if these are my memories, and if my reality has been or remains nothing more than a dream.” (Alberto Bertuzzi)

 

spacer

 

Scholar of Art History, trained at the roman school of Giulio Carlo Argan, he has always placed his intensive artistic activity alongside his work as historian and teacher. His paintings are inspired to a realism that tends to "leave" the classic canons to look for new forms of research, and make use of a refined and antique technique.

He has affirmed himself for his portraits and the elegant solution of their formal settings. Gianni Agnelli's portrait is from the end of the 70's, and is followed by two portraits of John Paul II and other characters of more or less popular fame.

His works have been exhibited in Italy as well as abroad.